Sfondo

Comunicato stampa 59 - Settempeda bestia nera della Sangiustese, il punto può valere la salvezza

Domenica 22 marzo 2015
Domenica 22 marzo 2015

COMUNICATO STAMPA N° 59

SETTEMPEDA BESTIA NERA DELLA SANGIUSTESE, IL PUNTO PUÒ VALERE LA SALVEZZA

SAN SEVERINO - Dopo un paio di… film dal finale amaro per i biancorossi la Settempeda propone il “finale alternativo”. Contro una Sangiustese da noblesse oblige i biancorossi settempedani, canarini per l’occasione, sfoggiano una prestazione tutta cuore e sono premiati con un pari molto utile dopo le due vittorie, una in coppa Italia e l’altra nel girone ascendente del torneo, a spese dei calzaturieri. La Settempeda deve fare a meno degli squalificati Del Medico e Riccardo Rocci e del fuori quota Paciaroni per infortunio. Davanti a Caracci, nel consueto 4-2-3-1, il febbricitante Lucaroni e Meschini coprono le corsie laterali, mentre i centrali sono gli ormai collaudati Monteneri e Menichelli. A fare diga a centrocampo ci pensano capitan Serangeli e Teloni. Sul fronte offensivo Fiecconi, Capenti e Marasca sono dietro la punta Lorenzo Rocci. Gli ospiti rispondono con uno schema simile, ma con personalità di spicco e con 4 attaccanti quando devono spingere. Nel primo tempo qualche schermaglia ed anche un gol annullato ai rossoblù con dinamica da rivedere. Alla mezz’ora Bernabei realizza con una volee d’anticipo, ma è in millimetrico fuorigioco. Secondo tempo emozionante. Al 10’ Bernabei è premiato: si coordina al limite e stanga di sinistro con la sfera che, complice anche una deviazione, s’insacca imparabilmente. Al 26’ Lucaroni lancia Lorenzo Rocci che spara alto. Due minuti dopo, però, su assist di Marasca, il giovane bomber controlla, avanza sulla destra e trafigge Paniccià. La Sangiustese prova a rimettere la freccia, soprattutto da calcio piazzato, ma Caracci dice sempre di no. Per la Settempeda è un punto d’oro. “Non riusciamo ad evitare errori stupidi – commenta nel dopo gara il trainer della Sangiustese, Francesco Carboni -. Oggi sinceramente avevo fatto più di un pensierino ai tre punti che sarebbero stati fondamentali per la nostra rincorsa alla testa, invece siamo stati costretti al pareggio”. “I ragazzi sono stati finalmente premiati – il dirigente biancorosso Leandro Gallina è soddisfatto – ed hanno così potuto mettere a frutto il lavoro che svolgono con dedizione in settimana. Molto bravo il nostro bomber Lorenzo Rocci nel finale. Ha messo dentro per noi una palla importante. Ora possiamo affrontare il Potenza Picena con calma per poi, dopo la pausa, sfruttare il match-point con la Monturanese”. Quello sarà un incontro da vincere a tutti i costi. Intanto il giovane Lorenzo Rocci, al terzo centro personale stagionale, dopo aver riflettuto, opera una dedica d’autore: “Questo gol è per il gruppo”. Quello che con tanta fatica ma anche con grossa soddisfazione sta raggiungendo il traguardo salvezza. Domenica, in posticipo, alle ore 16.00, Potenza Picena-Settempeda.

SETTEMPEDA-SANGIUSTESE 1-1

SETTEMPEDA: Caracci, Meschini, Lucaroni, Serangeli, Monteneri, Menichelli, Capenti, Teloni, Lorenzo Rocci, Marasca, Fiecconi (17’ st Pascual). (A disp. Pelagagge, Muscolini, Gianfelici, Cappellacci, Pinkowski)

All. Gentili

SANGIUSTESE: Paniccià, Simoni (31’ st Pignotti), Costanzo, Cocciaretto, Ionni, Michele Pagliarini, Iommi, Temperini, Mozzorecchia, Bernabei (41’ st Lattanzi), Santagata (31’ st Olszewski). (A disp. Manuel Pagliarini, Silvestri, Cerbone, Federico Temperini)

All. Carbone

Arbitro: Pace di Ancona (Bordoni e Monteriù di Fermo)

Reti: 10’ st Bernabei, 28’ st Lorenzo Rocci

Note: ammonito Cocciaretto; angoli 1-7, spettatori 100 circa con nutrita rappresentanza ospite, rec. 1’+4’.

Add. stampa Luca Muscolini

Condividi
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Share on Google+
Informazioni campo sintetico T. Leonori